notizie cinema notizie cinema
search music

Bill Wyman
1936
età 88




Bill Wyman, pseudonimo di William George Perks (Penge, 24 ottobre 1936), è un bassista britannico, ex-membro del gruppo rock The Rolling Stones, in cui ha militato dal 1962 fino al 1993.



Biografia
Sin da giovane era interessato alla musica, infatti suonò il pianoforte dall'età di 10 anni fino ai 13. La sua prima band furono i Cliftons, ma nel 1962 gli venne proposto di entrare a far parte dei Rolling Stones, in sostituzione di Dick Taylor, che andrà a far parte dei Pretty Things. In realtà, gli venne chiesto di entrare a far parte della band perché possedeva la strumentazione propria, ma comunque stabilì una buona intesa con gli altri membri della band, e quando successivamente il batterista Charlie Watts entrò anche lui a far parte degli Stones, la classica formazione della band era formata.

The Rolling Stones

Il successo con i Rolling Stones è risaputo e circolano voci che sia stato lui l'inventore del riff di Jumpin' Jack Flash, ma Wyman ha anche pubblicato vari album da solista e assieme ad altri musicisti. Tra i lavori solisti si possono citare Monkey Grip del 1974, ed il seguente Stone Alone del 1976. Nel 1985 forma la cover band Willie and the Poor Boys insieme a Charlie Watts, Jimmy Page e Paul Rodgers, con i quali pubblicherà due album. A ogni modo, anche all'interno dei Rolling Stones, precisamente nell'album Their Satanic Majesties Request del 1967 c'è una canzone da lui scritta e interpretata: In Another Land, dove Mick Jagger e gli altri Stones prendono parte ai cori. Fu la prima canzone, nella storia del gruppo, a non essere cantata da Jagger, e precedette la prima di quelle cantate da Keith Richards (You got the Silver del 1969).
Nel 1989 sposa la modella Mandy Smith, all'epoca diciannovenne, ma la loro relazione fece scandalo, dato che iniziò quando la Smith aveva solo quattordici anni. Il matrimonio durò però solamente un anno. La stampa scandalistica inglese diede ampio risalto al fatto che suo figlio Stephen si fidanzò con la madre di Mandy Smith.
Nel gennaio del 1994, Bill Wyman abbandona definitivamente i Rolling Stones a causa di problemi fisici; la notizia circolava già da tempo negli ambienti della musica. Nel 1997 ha formato un'altra band, i Rhythm Kings, che comprende i chitarristi Peter Frampton ed Albert Lee, nonché l'ex tastierista dei Procol Harum, Gary Brooker. Con questa band ha pubblicato cinque album. Nel 2004 ha inaspettatamente preso parte al Festival di Sanremo, in gara insieme ai DB Boulevard, classificandosi al tredicesimo posto.
È tornato a suonare con i Rolling Stones in alcune date di un loro tour svolte in Gran Bretagna alla fine del 2012. Il 24 ottobre 2012 i suoi vecchi compagni di band hanno annunciato in un'intervista ufficiale che Bill Wyman e l'altro ex Mick Taylor si sarebbero uniti a loro sul palco nei concerti alla O2 arena di Londra del 25 e 29 novembre, e a Newark il 13 e 15 dicembre, ma solo come ospiti, come precisato da Keith Richards, con Darryl Jones, bassista in carica per i concerti, saldamente al suo posto per gran parte delle scalette. Il chitarrista ha aggiunto: «Darryl non riceve abbastanza elogi. Lui e Bill possono decidere i brani che suoneranno rispettivamente». Nello show del 25 novembre Wyman ha suonato con i Rolling Stones due brani consecutivi: It's Only Rock 'n Roll (But I Like It) e Honky Tonk Women. L'8 marzo 2016 ha annunciato di avere un cancro alla prostata.

Strumentazione
I bassi più utilizzati (perlopiù a scala corta) sono: Framus Star Bass, Fender Mustang Bass, Vox Teardrop Bass, Dan Armstrong Bass, Gibson EB-3 e alcuni modelli Steinberger. Inoltre possiede un suo signature Bill Wyman Bass Centre.
Discografia
Discografia con i Rolling Stones
Album in studio1964 - The Rolling Stones (UK, aprile)
1964 - England's Newest Hit Makers (US, maggio)
1964 - 12 x 5 (US, 24 ottobre)
1965 - The Rolling Stones No.2 (UK, 15 gennaio)
1965 - The Rolling Stones, Now! (US, 13 febbraio)
1965 - Out of Our Heads (UK-US)
1965 - December's Children (And Everybody's) (US)
1966 - Aftermath (UK-US)
1967 - Between the Buttons (UK-US)
1967 - Flowers (US)
1967 - Their Satanic Majesties Request
1968 - Beggars Banquet
1969 - Let It Bleed
1971 - Sticky Fingers
1972 - Exile on Main St.
1973 - Goats Head Soup
1974 - It's Only Rock 'n' Roll
1976 - Black and Blue
1978 - Some Girls
1980 - Emotional Rescue
1981 - Tattoo You
1983 - Undercover
1986 - Dirty Work
1989 - Steel WheelsDa solista
Album in studio1974 - Monkey Grip
1976 - Stone Alone
1981 - Bill Wyman
1992 - Stuff
2015 - Back To BasicsColonne sonore1981 - Green Ice
1985 - Willie and the Poor Boys
1985 - Phenomena
1987 - OperaCollaborazioni
1994 - Tear It Up (live con il gruppo Willie and the Poor Boys)Bill Wyman's Rhythm Kings
1998 - Struttin' Our Stuff
1999 - Anyway the Wind Blows
2001 - Groovin'
2001 - Double Bill
2004 - Just for a Thrill
2018 - Studio TimeBibliografia
Bill Wyman, Bill Wyman's Blues Odyssey ISBN 0-7513-3442-1Voci correlate
The Rolling Stones
Willie and the Poor Boys
Rhythm KingsAltri progetti

Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Bill WymanCollegamenti esterni

Sito ufficiale, su billwyman.com.
Bill Wyman / Bill Wyman - Topic (canale), su YouTube.
(EN) Bill Wyman, su Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc.
(EN) Bill Wyman, su AllMusic, All Media Network.
(EN) Bill Wyman, su Discogs, Zink Media.
(EN) Bill Wyman, su MusicBrainz, MetaBrainz Foundation.
(EN) Bill Wyman, su SoundCloud.
(EN) Bill Wyman, su Internet Movie Database, IMDb.com.

film bill wyman

schede ultimi film bill wyman


notizie cinema

Schede film

Cinema trailer

Film in sala

Cinema novità

Trova cinema roma

Trova cinema milano

Trova cinema napoli

Musica news

Musica top songs



INSERISCI LA TUA PUBBLICITA' SU


scarica gratis



#notiziecinema film anteprime novità
notiziecinema.it
novità, film anteprime, cinema trailer, programmazione cinema, coming soon facebook notizie cinema twitter notizie cinema youtube notizie cinema rss notizie cinema

trova cinema milano trova cinema modena trova cinema napoli trova cinema palermo trova cinema pavia

(c) media promotion srl - web agency