notizie cinema notizie cinema facebook notiziecinema.it twitter notiziecinema.it youtube notiziecinema.it
search music
notizie cinema
cinema news notizie ed aggiornamenti
prossimamente al cinema
film in uscita, i trailers, le trame

#notiziecinema

Paolo Stoppa
1906 1988

Paolo Stoppa (Roma, 6 giugno 1906 – Roma, 1º maggio 1988) è stato un attore e doppiatore italiano.



Biografia
Figlio di un antiquario, abbandonati gli studî giuridici, studiò alla Reale scuola di recitazione Eleonora Duse dell'Accademia di Santa Cecilia di Roma.
Esordisce in teatro nel 1927 e nel giro di pochi anni passa dal ruolo di generico a quello di attore brillante. Dal 1938 al 1940 fa parte della compagnia del Teatro Eliseo di Roma, interpretando personaggi assai complessi del repertorio classico e moderno. Nota è la sua appartenenza alla Massoneria, aderi alla Gran Loggia degli Antichi Liberi Accettati Muratori e resto’sempre legato alla Loggia Gustavo Modena alla stregua di altri colleghi del mondo dello spettacolo, nell'obbedienza della Piazza del Gesù.



Proprio in questa famosissima compagnia incontra l'attrice Rina Morelli, che diventerà la sua compagna nella vita e sulla scena; insieme formeranno, per trent'anni, una delle coppie più affiatate del teatro italiano. Dopo la guerra conosce il regista Luchino Visconti, dall'incontro si determinerà uno dei più importanti fenomeni teatrali del dopoguerra: il trio Stoppa-Morelli-Visconti metterà in scena acclamate rappresentazioni di pièce di celebri autori, come Čechov, Shakespeare e Goldoni.
Affermatosi come uno dei più completi attori italiani, Paolo Stoppa si impone come grande attore versatile, capace di passare con disinvoltura dai ruoli impegnati a quelli leggeri, con un carattere personalissimo delle interpretazioni, frutto del suo tipico incedere recitativo, energico e sincopato.
Negli anni sessanta l'attore è all'apice della sua arte teatrale: valga per tutte l'impagabile interpretazione di Gaev in Il giardino dei ciliegi di Cechov (1965), diretto da Visconti.
Nel 1976 proprio la morte di Rina Morelli e di Visconti risulteranno per lui traumatiche. Nel luglio del 1978, con l'abile regia di Giorgio De Lullo, fa il suo grande rientro a teatro durante il Festival dei Due Mondi di Spoleto, al Teatro Caio Melisso, con un'amara commedia americana "Gin Game" interpretata magistralmente insieme a Franca Valeri.
Successivamente, per la regia di Patroni Griffi interpreterà anche L'avaro di Molière; mediocre sarà invece il risultato quando si farà dirigere dal giovane Memè Perlini ne Il mercante di Venezia (1980). Con un soprassalto d'orgoglio, nel 1984, ormai alla fine di una carriera esemplare, farà in tempo a essere un inedito Ciampa ne Il berretto a sonagli, diretto da Luigi Squarzina.
Malato da tempo di leucemia muore a Roma il 1º maggio del 1988. È sepolto al cimitero del Verano.

Cinema
In campo cinematografico fornisce grandi interpretazioni in Miracolo a Milano (1951), Rocco e i suoi fratelli (1960), Viva l'Italia (1961), Il Gattopardo (1962), La matriarca e C'era una volta il west (1968).
Un altro ruolo noto dell'attore è quello del nonno di Teresina Fedeli, interpretata da una giovanissima Jodie Foster nel film Casotto di Sergio Citti (1977).
Da sottolineare, a fine carriera, le interpretazioni di papa Pio VII ne Il marchese del Grillo e di Savino Capogreco, un avarissimo usuraio che verrà poi truffato dai goliardici compari, in Amici miei - Atto IIº di Mario Monicelli.

Radio
Numerose le partecipazioni alla prosa radiofonica sia dell'EIAR che della Rai. In particolare tra gli anni sessanta e settanta è protagonista in coppia con Rina Morelli degli sketch comici Eleuterio e Sempre Tua, rubrica che andò per lungo tempo in onda nella trasmissione domenicale Gran varietà.

Televisione
Insieme a Rina Morelli esordisce in televisione nel ruolo di Carlo Day nello sceneggiato Vita col padre e con la madre (1960).
Soprattutto negli anni settanta è il protagonista di diversi sceneggiati televisivi di successo: nel 1970 interpreta Antonio Meucci nello sceneggiato Antonio Meucci cittadino toscano contro il monopolio Bell, dedicato alla figura dello scienziato inventore del telefono, e nel 1972 presta il volto al commissario Bärlach ne Il giudice e il suo boia e ne Il sospetto, entrambi tratti da romanzi di Friedrich Dürrenmatt. A questi lavori seguirà lo sceneggiato ESP, nel ruolo del sensitivo Gerard Croiset.
Nel 1974 interpreta il commissario Carlo De Vincenzi negli episodi della serie televisiva Il commissario De Vincenzi: Il candeliere a sette fiamme, L'albergo delle tre rose, Il mistero delle tre orchidee, tratti dai romanzi di Augusto De Angelis (la serie avrà poi un seguito nel 1977 con altri tre episodi), mentre nel 1974 è l'abile truffatore Alves dos Reis in Accadde a Lisbona, che ripercorreva la vicenda dello scandalo della Banca del Portogallo.
Nel 1975 offrirà una memorabile interpretazione nel ruolo di Don Ippolito con funzioni di "coro greco" nel celebre sceneggiato L'amaro caso della baronessa di Carini.
Nel 1983 riprenderà il personaggio di Arpagone nella trasposizione televisiva de L'avaro di Molière, nella quale darà una delle sue più convincenti prove recitative.

Filmografia
Cinema



L'armata azzurra, regia di Gennaro Righelli (1932)
Quella vecchia canaglia, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1934)
Aurora sul mare, regia di Giorgio Simonelli (1934)
Il serpente a sonagli, regia di Raffaello Matarazzo (1935)
Re burlone, regia di Enrico Guazzoni (1935)
L'aria del continente, regia di Gennaro Righelli (1936)
L'anonima Roylott, regia di Raffaello Matarazzo (1936)
Marcella, regia di Guido Brignone (1937)
La dama bianca, regia di Mario Mattoli (1938)
Frenesia, regia di Mario Bonnard (1939)
Assenza ingiustificata, regia di Max Neufeld (1939)
L'amore si fa così, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1939)
Un'avventura di Salvator Rosa, regia di Alessandro Blasetti (1939)
Un mare di guai, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1939)
Ricchezza senza domani, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1940)
Le sorprese del vagone letto, regia di Gian Paolo Rosmino (1940)
Pazza di gioia, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1940)
Trappola d'amore, regia di Raffaello Matarazzo (1940)
Amami Alfredo, regia di Carmine Gallone (1940)
La canzone rubata, regia di Max Neufeld (1940)
Melodie eterne, regia di Carmine Gallone (1940)
Il sogno di tutti, regia di Oreste Biancoli e László Kish (1940)
Una famiglia impossibile, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1940)
L'orizzonte dipinto, regia di Guido Salvini (1941)
Giuliano de' Medici, regia di Ladislao Vajda (1941)
L'allegro fantasma, regia di Amleto Palermi (1941)
La corona di ferro, regia di Alessandro Blasetti (1941)
Cenerentola e il signor Bonaventura, regia di Sergio Tofano (1941)
L'ultimo ballo, regia di Camillo Mastrocinque (1941)
Se non son matti non li vogliamo, regia di Esodo Pratelli (1941)
La famiglia Brambilla in vacanza, regia di Carl Boese (1941)
Non mi sposo più, regia di Giuseppe Amato (1942)
Se io fossi onesto, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
Regina di Navarra, regia di Carmine Gallone (1942)
A che servono questi quattrini?, regia di Esodo Pratelli (1942)
Gioco pericoloso, regia di Nunzio Malasomma (1942)
La bisbetica domata, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1942)
Don Giovanni, regia di Dino Falconi (1942)
La signorina, regia di László Kish (1942)
Rossini, regia di Mario Bonnard (1942)
Don Cesare di Bazan, regia di Riccardo Freda (1942)
Non ti pago!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
Il romanzo di un giovane povero, regia di Guido Brignone (1942)
Acque di primavera, regia di Nunzio Malasomma (1942)
Sette anni di felicità, regia di Roberto Savarese (1942)
Divieto di sosta, regia di Marcello Albani (1943)
Fuga a due voci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1943)
Il nostro prossimo, regia di Gherardo Gherardi, Aldo Rossi (1943)
Giorni felici, regia di Gianni Franciolini (1943)
Incontri di notte, regia di Nunzio Malasomma (1943)
Il treno crociato, regia di Carlo Campogalliani (1943)
Gente dell'aria, regia di Esodo Pratelli (1943)
Grattacieli, regia di Guglielmo Giannini (1943)
Sant'Elena, piccola isola, regia di Renato Simoni (1943)
4 ragazze sognano, regia di Guglielmo Giannini (1943)
I nostri sogni, regia di Vittorio Cottafavi (1943)
Apparizione, di Jean de Limur (1943)
Ti conosco, mascherina!, regia di Eduardo De Filippo (1943)
Gli assi della risata, epis. L'ombrello smarrito, regia di Roberto Bianchi (1943)
Il fiore sotto gli occhi, regia di Guido Brignone (1944)
Finalmente sì, regia di Ladislao Kish (1944)
Canto, ma sottovoce..., regia di Guido Brignone (1945)
Quartetto pazzo, regia di Guido Salvini (1945)
Che distinta famiglia!, regia di Mario Bonnard (1945)
Biraghin, regia di Carmine Gallone (1946)
Un americano in vacanza, regia di Luigi Zampa (1946)
Addio, mia bella Napoli!, regia di Mario Bonnard (1946)
Io t'ho incontrata a Napoli, regia di Pietro Francisci (1946)
Il marito povero, regia di Gaetano Amata (1946)
Aquila nera, regia di Riccardo Freda (1946)
Il principe ribelle, regia di Pino Mercanti (1947)
Fumeria d'oppio, regia di Raffaello Matarazzo (1947)
Che tempi!, regia di Giorgio Bianchi (1948)
I cavalieri dalle maschere nere (I Beati Paoli), regia di Pino Mercanti (1948)
Vogliamoci bene!, regia di Paolo William Tamburella (1949)
I peggiori anni della nostra vita, regia di Mario Amendola (1949)
Maracatumba... ma non è una rumba, regia di Enzo Trapani (1949)
Il figlio di d'Artagnan, regia di Riccardo Freda (1949)
Fabiola, regia di Alessandro Blasetti (1949)
Sambo, regia di Paolo William Tamburella (1950)
La bellezza del diavolo, regia di René Clair (1950)
Donne e briganti, regia di Mario Soldati (1950)
Il ladro di Venezia, regia di John Brahm (1950)
Senza bandiera, regia di Lionello De Felice (1951)
Buon viaggio, pover'uomo, regia di Giorgio Pàstina (1951)
Abbiamo vinto!, regia di Robert Adolf Stemmle (1951)
Miracolo a Milano, regia di Vittorio De Sica (1951)
La nostra pelle (Le cap de l'espérance), regia di Raymond Bernard e Raffaele Andreassi (1951)
Il tallone d'Achille, regia di Mario Amendola, Ruggero Maccari (1952)
Roma ore 11, regia di Giuseppe De Santis (1952)
Processo alla città, regia di Luigi Zampa (1952)
Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Moglie per una notte, regia di Mario Camerini (1952)
Cani e gatti, regia di Leonardo De Mitri (1952)
Art. 519 codice penale, regia di Leonardo Cortese (1952)
Altri tempi, epis. L'idillio, regia di Alessandro Blasetti (1952)
Avarizia ed ira, episodio di I sette peccati capitali, regia di Eduardo De Filippo (1952)
Wanda, la peccatrice, regia di Duilio Coletti (1952)
Le belle della notte (Les belles de nuit), regia di René Clair (1952)
Il sole negli occhi, regia di Antonio Pietrangeli (1953)
Scampolo '53, regia di Giorgio Bianchi (1953)
Prima di sera, regia di Piero Tellini (1953)
La passeggiata, regia di Renato Rascel (1953)
Non è mai troppo tardi, regia di Filippo Walter Ratti (1953)
Gli eroi della domenica, regia di Mario Camerini (1953)
Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953)
Stazione Termini, regia di Vittorio De Sica (1953)
La voce del silenzio, regia di Georg Wilhelm Pabst (1953)
Puccini, regia di Carmine Gallone (1953)
Bufere, regia di Guido Brignone (1953)
Il ritorno di don Camillo (Le retour de Don Camillo), regia di Julien Duvivier (1953)
Il nemico pubblico n. 1 (L'ennemi public no 1), regia di Henri Verneuil (1953)
Sinfonia d'amore, regia di Glauco Pellegrini (1954)
Gioventù alla sbarra, regia di Ferruccio Cerio (1954)
L'ombra, regia di Giorgio Bianchi (1954)
Mizar (Sabotaggio in mare), regia di Francesco De Robertis (1954)
Destini di donne (Destinées), regia di Christian-Jaque (Destinées) (1954)
L'amore di una donna (L'amour d'une femme), regia di Jean Grémillon (1954)
Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1954)
Allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)
La bella Otero, regia di Richard Pottier (1954)
Uomini ombra, regia di Francesco De Robertis (1954)
Casa Ricordi di Carmine Gallone (1954)
L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
I sette peccati di papà (J'avais sept filles), regia di Jean Boyer (1954)
Siamo uomini o caporali, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
Ragazze d'oggi, regia di Luigi Zampa (1955)
Il padrone sono me, regia di Franco Brusati (1955)
Donne sole, regia di Vittorio Sala (1955)
Destinazione Piovarolo, regia di Domenico Paolella (1955)
Il conte Aquila, regia di Guido Salvini (1955)
Il tesoro di Montecristo (Le Comte de Monte-Cristo), regia di Robert Vernay (1955)
La corrida dei mariti (Le printemps, l'automne et l'amour), regia di Gilles Grangier (1955)
La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)
La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
Una pelliccia di visone, regia di Glauco Pellegrini (1956)
Mio zio Giacinto (Mi tío Jacinto), regia di Ladislao Vajda (1956)
La nonna Sabella, regia di Dino Risi (1957)
Arrivederci, Dimas (Los jueves, milagro), regia di Luis García Berlanga (1957)
Vacanze a Ischia, regia di Mario Camerini (1957)
La legge, regia di Jules Dassin (1959)
Avventura a Capri, regia di Giuseppe Lipartiti (1959)
Gastone, regia di Mario Bonnard (1960)
La contessa azzurra, regia di Claudio Gora (1960)
Cartagine in fiamme, regia di Carmine Gallone (1960)
Era notte a Roma, regia di Roberto Rossellini (1960)
Le tre "eccetera" del colonnello, regia di Claude Boissol (1960)
Rocco e i suoi fratelli, regia di Luchino Visconti (1960)
È arrivata la parigina, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
La giornata balorda, regia di Mauro Bolognini (1961)
Viva l'Italia!, regia di Roberto Rossellini (1961)
La minaccia, regia di Gérard Oury (1961)
Che gioia vivere, regia di René Clément (1961)
Vanina Vanini, regia di Roberto Rossellini (1961)
Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
Un appuntamento per uccidere (Horace 62), regia di Andrè Versini (1962)
Boccaccio '70, regia di Luchino Visconti (1962)
Il Gattopardo, regia di Luchino Visconti (1963)
Becket e il suo re (Becket), regia di Peter Glenville (1964)
La vendetta della signora (The Visit), regia di Bernhard Wicki (1964)
...e venne il giorno della vendetta (Behold a Pale Horse), regia di Fred Zinnemann (1964)
...poi ti sposerò (Un monsieur de compagnie), regia di Philippe de Broca (1964)
Il marito è mio e l'ammazzo quando mi pare, regia di Pasquale Festa Campanile (1966)
Caccia alla volpe, regia di Vittorio De Sica (1966)
C'era una volta il West, regia di Sergio Leone (1968)
La matriarca, regia di Pasquale Festa Campanile (1968)
Le avventure di Gerard (The Adventures of Gerard), regia di Jerzy Skolimowski (1970)
Jus primae noctis, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
Ettore lo fusto, regia di Enzo G. Castellari (1972)
Rugantino, regia di Pasquale Festa Campanile (1973)
Cinque matti vanno in guerra (Les bidasses s'en vont en guerre), regia di Claude Zidi (1974)
Nerone, regia di Mario Castellacci e Pier Francesco Pingitore (1977)
Casotto, regia di Sergio Citti (1977)
La mazzetta, regia di Sergio Corbucci (1978)
Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)
Testa o croce, regia di Nanni Loy (1982)
Amici miei - Atto IIº, regia di Mario Monicelli (1982)
Domani si balla!, regia di Maurizio Nichetti (1982)Televisione

Vita col padre e con la madre – sceneggiato TV (1960)
Demetrio Pianelli – sceneggiato TV (1963)
Questa sera parla Mark Twain – sceneggiato TV (1965)
I corvi – sceneggiato TV (1969)
Antonio Meucci cittadino toscano contro il monopolio Bell – sceneggiato TV (1970)
I Buddenbrook – sceneggiato TV (1971)
Il giudice e il suo boia – film TV (1972)
Il sospetto – sceneggiato TV (1972)
ESP, regia di Daniele D'Anza – sceneggiato TV (1973)
Così è se vi pare – film TV (1974)
Il commissario De Vincenzi – sceneggiato TV (1974-1977)
Accadde a Lisbona – sceneggiato TV (1974)
L'amaro caso della baronessa di Carini, regia di Daniele D'Anza – sceneggiato TV (1975)
Nero su nero – sceneggiato TV (1978)Prosa televisiva Rai
Vita col padre, Howard Lindsay e Russel Crouse, regia di Mario Ferrero, trasmessa il 14 dicembre 1956.
Caro bugiardo di Jerome Kilty, trasmessa il 4 marzo 1963.
Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller, regia di Sandro Bolchi, trasmessa il 10 novembre 1968.
I corvi di Henry Becque, regia di Sandro Bolchi, trasmessa il 7 gennaio 1969.
Vita col padre, di Howard Lindsay e Russel Crouse, regia di Sandro Bolchi, trasmessa il 10 agosto 1969.
La tigre e il cavallo di Robert Bolt, regia di Mario Landi, trasmessa il 30 dicembre 1969.
Romolo il grande, di Friedrich Dürrenmatt, regia di Mario Landi, trasmessa il 23 aprile 1971.
Così è se vi pare di Luigi Pirandello, regia di Giorgio De Lullo, trasmessa il 13 settembre 1974.
L'avaro di Molière, regia di Giuseppe Patroni Griffi, trasmessa il 26 dicembre 1983.
Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello, regia di Luigi Squarzina, trasmessa il 20 dicembre 1985.Prosa radiofonica Rai
Pigrizia di Eligio Possenti e Sabatino Lopez, regia di Guglielmo Morandi, trasmessa il 15 novembre 1951.
Sei personaggi in cerca di autore di Luigi Pirandello, regia di Corrado Pavolini, trasmessa il 26 gennaio 1954.Varietà radiofonici Rai
Il birillo, rivista di Mario Brancacci e Dino Verde, compagnia del teatro comico di Roma, regia Nino Meloni, trasmesso nel 1953.Doppiaggio
Paolo Stoppa iniziò l'attività di doppiatore verso la metà degli anni trenta prestando la voce a vari attori, fra i quali:

Richard Widmark in Il bacio della morte, Mano pericolosa, La giostra umana, Strada senza nome, Furia dei tropici, Naviganti coraggiosi, Destinazione Mongolia, I quattro rivali, I trafficanti della notte
Kirk Douglas in Sfida all'O.K. Corral, Le vie della città
Fred Astaire in Voglio danzare con te, Non sei mai stata così bella, Seguendo la flotta, Follie di jazz
Cary Grant in Il mio amore eri tu
Wendell Corey in Il terrore corre sul filo, Delitto senza peccato
Jack Carson in Il romanzo di Mildred
Luis Van Rooten in La notte ha mille occhi, Il grande campione
Alan Hale in Notte di bivacco
Eric Blore in Cappello a cilindro
Paul Muni in Contrattacco
John Warburton in Le bianche scogliere di Dover
Leonid Kinskey in Un evaso ha bussato alla porta, Monsieur Beaucaire
William Bendix in Il grattacielo tragico
Don DeFore in Missione segreta
Richard Ainley in Al di sopra di ogni sospetto
Ray Bolger in Le ragazze di Harvey
Henry Travers in La grande pioggia
voce narrante in Ci troviamo in galleriaPremi e riconoscimenti
David di Donatello
1982: - nominato a miglior attore non protagonista per Il marchese del Grillo
1983: - nominato a miglior attore non protagonista per Amici miei - Atto IIºNastro d'argento
1952: - Nastro d'argento speciale per il complesso della sua attività
1955: - Migliore attore non protagonista per L'oro di Napoli
1961: - Nominato a Migliore attore non protagonista per Rocco e i suoi fratelli
1982: - Migliore attore non protagonista per Il marchese del GrilloGlobi d'oro
1956: - Miglior attore per Il padrone sono me
1982: - Miglior attore per Il marchese del GrilloOnorificenze
Note

Bibliografia
Le Teche Rai, la prosa televisiva dal 1954 al 2008.
Gli attori, Gremese editore, Roma 2002.
Nicola Fano, Stoppa, Paolo, « Enciclopedia del Cinema Treccani », 2004.Altri progetti

Wikiquote contiene citazioni di o su Paolo Stoppa
Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Paolo StoppaCollegamenti esterni

(EN) Paolo Stoppa, su Find a Grave.
(EN) Paolo Stoppa, su Discogs, Zink Media.
Paolo Stoppa, su CineDataBase, Rivista del cinematografo.
Paolo Stoppa, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net.
(EN) Paolo Stoppa, su Internet Movie Database, IMDb.com.
(EN) Paolo Stoppa, su AllMovie, All Media Network.
(DE, EN) Paolo Stoppa, su filmportal.de.
Leonardo Spinelli, Paolo Stoppa, su Archivio Multimediale Attori Italiani, 25 novembre 2011.
Paolo Stoppa, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
Scheda su Paolo Stoppa dal Dizionario dello Spettacolo del '900

film paolo stoppa

schede ultimi film paolo stoppa


notizie cinema

Schede film

Cinema trailer

Film in sala

Cinema novità

Trova cinema roma

Trova cinema milano

Trova cinema napoli

Musica news

Musica top songs



INSERISCI LA TUA PUBBLICITA' SU


scopri come promuovere la tua attività



#notiziecinema film anteprime novità
notiziecinema.it
novità, film anteprime, cinema trailer, programmazione cinema, coming soon facebook notizie cinema twitter notizie cinema youtube notizie cinema rss notizie cinema

trova cinema asti trova cinema avellino trova cinema bari trova cinema benevento trova cinema bergamo

cinema Cinema Cinema Teatro Alfieri cinema Cinema Cinema Teatro Alfieri cinema cinema
(c) media promotion srl - web agency