notizie cinema notizie cinema facebook notiziecinema.it twitter notiziecinema.it youtube notiziecinema.it
search music
notizie cinema
cinema news notizie ed aggiornamenti
prossimamente al cinema
film in uscita, i trailers, le trame

#notiziecinema

Andrei Sannikov


Andrei Alehavitc Sannikov (in bielorusso: Андрэй Алегавіч Саннікаў?; Minsk, 8 marzo 1954) è un attivista, diplomatico e politico bielorusso, che all'inizio degli anni '90 ha guidato la delegazione bielorussa per i negoziati sull'armamento delle armi nucleari e convenzionali, servendo anche come diplomatico bielorusso in Svizzera. Dal 1995 al 1996 è stato viceministro degli esteri della Bielorussia, rassegnando poi le dimissioni come forma di protesta politica. Ha co-fondato la Carta 97 dell'azione civile, è stato insignito del Premio Bruno Kreisky nel 2005.
Sannikov era un candidato alle elezioni presidenziali del 2010 in Bielorussia e aveva la seconda percentuale più alta di voti popolari dopo il presidente in carica Alexander Lukashenko. È stato incarcerato in una struttura del KGB di Minsk per aver protestato pacificamente in una manifestazione dopo le elezioni, picchiato dalla polizia, torturato e tenuto in isolamento per due mesi. Amnesty International lo ha etichettato come un prigioniero di coscienza. Secondo sua moglie, la nota giornalista Iryna Khalip, nel settembre 2011 Sannikov era in grave pericolo di vita mentre era incarcerato. Dopo 16 mesi di prigione, nell'aprile 2012 Sannikov è stato rilasciato e graziato da Lukashenko. Dal 2012 vive tra Londra, dove ha ricevuto asilo politico, e Varsavia.



Biografia
Andrei Sannikov è nato nel 1954 nella città di Minsk. Il padre era un ricercatore d'arte bielorusso mentre la madre era un'insegnante di lingua russa. Il nonno, Konstantin Sannikov, era un famoso attore e regista della SSR bielorussa, uno dei fondatori del Teatro Nazionale Janka Kupala e insegnante presso il Belarusian Theatre and Art Institute di Mosca. Sannikov ha frequentato la scuola n. 42 e nel 1977 si è laureato presso l'Università linguistica statale di Minsk. Parla correntemente, oltre alla sua lingua nativa, russo, inglese e francese.
Dopo la laurea, Sannikov ha lavorato inizialmente in Pakistan e in Egitto per una compagnia petrolifera sovietica alla costruzione di un impianto di alluminio. Quindi è entrato nell'Unione delle Società per l'amicizia sovietica e i rapporti culturali con l'estero e nel 1982 ha cominciato a fare il traduttore presso il Segretariato delle Nazioni Unite a New York City. È rimasto a New York per cinque anni.

Attività diplomatica
Poco prima del crollo dell'Unione Sovietica nel 1991, Sannikov si è laureato all'Accademia diplomatica del Ministero degli affari esteri della Federazione Russa a Mosca. Subito dopo ha lavorato al ministero degli Esteri della Repubblica socialista sovietica bielorussa. In un dibattito ha affermato che "il ministero degli Esteri non dovrebbe essere al servizio di un partito, ma della nazione bielorussa".
Nel 1992, Sannikov ha guidato la delegazione bielorussa per i negoziati sull'armamento delle armi nucleari e convenzionali (le Repubbliche sovietiche hanno concordato di disarmare tutte le armi nucleari nel 1991). Aveva l'autorità di firma in materia per conto della Bielorussia, autorità che ha mantenuto fino al 1995. Durante questo periodo è stato anche consigliere della missione diplomatica bielorussa in Svizzera.

Vice Ministro degli Affari Esteri
Dal 1995 al 1996 è stato Vice Ministro degli Esteri della Bielorussia, ottenendo il rango di ambasciatore straordinario e plenipotenziario.
Come viceministro nell'inverno del 1995, è coautore di un documento in difesa del programma Nunn-Lugar e in cui si ammonisce il Congresso degli Stati Uniti a non ridurre i suoi finanziamenti. Il progetto Nunn-Lugar era nato proprio nel Senato degli Stati Uniti nel 1991 dopo che le ex repubbliche sovietiche avevano deciso di sbarazzarsi delle loro armi nucleari. In base al programma, il Dipartimento della difesa degli Stati Uniti aveva fornito alla Bielorussia assistenza tecnica e finanziaria per ridurre e disarmare le armi nucleari.
Nel novembre 1996, alla vigilia di un controverso referendum, Sannikov si è dimesso dal suo incarico ministeriale per protestare contro le politiche volute da Lukashenko. Il referendum ha fortemente limitato gli standard democratici e la separazione dei poteri in Bielorussia e ha modificato anche la costituzione bielorussa per estendere il mandato presidenziale di Lukashenko. Secondo il presidente del parlamento bielorusso, dal 20 al 50 percento dei voti contati è stato falsificato.

Nasce Carta 97
Nel novembre 1997, Sannikov è stato uno dei co-fondatori dell'iniziativa civile Charter 97, diventandone il coordinatore internazionale. Carta 97 è un gruppo in difesa dei diritti umani modellato sulla Carta 77 nell'allora Cecoslovacchia. Il gruppo ospita una delle pagine web di notizie bielorusse più popolari, diventando nel paese una rara voce di opposizione a Lukashenko.
Nel 1998, Sannikov e Hienadz Karpienka hanno creato il Consiglio di coordinamento delle forze democratiche della Bielorussia, impegnato attivamente sui diritti umani. All'iniziativa hanno partecipato anche Viktar Ivashkevich e Mikhail Marinich.
Nel corso degli anni Sannikov ha contribuito a organizzare una serie di manifestazioni non violente di protesta in Bielorussia, comprese le proteste contro le elezioni del 2001, 2004, 2006 e 2008: elezioni che sono state pesantemente criticate dall'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa e dall'UE per mancanza di trasparenza, intimidazione nei confronti degli elettori, repressione dei gruppi di opposizione e sospetta falsificazione dei risultati. Quando le proteste di massa dopo le elezioni presidenziali del 2006 furono violentemente represse dalla polizia antisommossa, Sannikov dichiarò di essere stato picchiato e imprigionato, e i suoi computer, dischi e memory stick furono sequestrati.
Il 4 aprile 2005, il Premio internazionale Bruno Kreisky è stato assegnato a Sannikov in una cerimonia di premiazione nella Sala di Stato della Biblioteca Nazionale di Vienna. Il Premio Bruno celebra i risultati raggiunti nella difesa dei diritti umani.
Nel gennaio 2007, Sannikov ha espresso disapprovazione per il contratto di fornitura di gas naturale firmato da Lukashenko con la Russia. Mosca ha spesso utilizzato Gazprom, la compagnia di gas statale, per fare pressione su paesi come l'Ucraina e la Georgia. Sannikov temeva che, poiché i rapporti fino ad allora cordiali di Lukashenko con il Cremlino si erano inaspriti dopo la sostituzione di Boris Eltsin con Vladimir Putin, il nuovo contratto di fornitura di gas avrebbe potuto essere utilizzato dalla Russia per manipolare l'economia bielorussa.
Nell'aprile 2008, ha affermato che in quel periodo Lukashenko era "intenzionalmente deciso a rompere le relazioni con gli Stati Uniti, dopodiché potrebbe seguire la rottura delle relazioni con l'Europa mentre si prepara alla resa della Bielorussia alla Russia. Cose che accadono". All'epoca, le autorità bielorusse stavano cercando di ridurre il personale della missione bielorussa a Washington DC.
Sempre nel 2008 Andrei Sannikov, insieme a Viktar Ivashkevich, Mikhail Marynich e altri politici, ha avviato la campagna civile della "Bielorussia europea". La campagna sostiene l'adesione della Bielorussia all'Unione europea e mira a raggiungere gli standard che consentirebbero l'inclusione.

Campagna presidenziale 2010
Nel marzo 2010 Andrei Sannikov ha dichiarato al canale televisivo Belsat la sua intenzione di partecipare come candidato alle elezioni presidenziali bielorusse del 2010. Era considerato uno dei principali candidati dell'opposizione insieme a Vladimir Nekliayev e Yaroslav Romanchuk.

La morte dell'addetto stampa
Nella prima settimana di settembre 2010, nel tardo pomeriggio di venerdì, l'amico intimo di Sannikov e addetto stampa della campagna, Oleg Bebenin, è stato trovato impiccato nella sua residenza estiva alla periferia di Minsk. Bebenin, membro chiave della campagna di Sannikov e giornalista di spicco, era stato direttore e co-fondatore di Charter97, ormai uno dei pochi organi di informazione sui candidati "dell'opposizione" durante le elezioni. L'inchiesta ufficiale ha affermato che la morte sembrava essere un suicidio. Sannikov ha espresso dubi su quel "suicidio", dicendo che Bebenin era in buona salute mentale e che non è stata trovata alcuna nota in merito al suicidio. Una morte sospetta fatta propria anche da Index on Censorship. Sannikov ha anche dichiarato di non avere fiducia nelle indagini ufficiali: "È impossibile in questa situazione di dittatura. Sono passati undici anni da quando sono iniziate le prime sparizioni in Bielorussia e nulla è stato indagato".Il 18 novembre 2010 Sannikov è stato ufficialmente registrato come candidato. Il 29 novembre 2010 ha organizzato un incontro presso l'Università linguistica statale di Minsk, a cui hanno partecipato circa 500 persone. Ci sono stati tentativi di ostacolare l'incontro; i volantini sono stati strappati, all'amministrazione è stato vietato di apporre messaggi in bacheca il giorno della riunione, i professori hanno dichiarato di essere stati avvertiti "è meglio non partecipare" dal personale universitario. Hanno partecipato anche studenti di altre università e cittadini. Durante l'incontro, ha invitato gli studenti a recarsi in Piazza ottobre a Minsk alle 20:00 dopo le elezioni del 19 dicembre.
I reclami inascoltati
Il 15 dicembre 2010, Sannikov ha presentato due richieste di reclamo legale alla Commissione elettorale centrale della Bielorussia, chiedendo di ritirare la registrazione di Aleksandr Lukashenko e di rimuovere anche Lidiya Yermoshyna, presidente della Commissione elettorale centrale, dall'incarico. In entrambi i casi, ha affermato che le loro posizioni erano illegali. Yermoshyna era membro della squadra politica di Lukashenko, compromettendo la sua neutralità, ed era sotto il controllo internazionale per possibili brogli nelle precedenti elezioni. Ha anche ricordato che Lukashenko ha ignorato le sue stesse linee guida sul tempo concesso ai candidati alla presidenza di parlare in televisione (2 volte per 30 minuti ciascuna). Lukashenko ha anche tenuto riunioni propagandistiche in luoghi non inclusi nell'elenco del Comitato esecutivo della città di Minsk dove si potevano tenere riunioni; inoltre Lukashenko ha tenuto un grande evento al Palazzo della Repubblica e l'ha finanziato con il bilancio dello Stato contro ogni regola. Le lamentele di Sannikov sono risultate inutili.Le elezioni presidenziali si sono svolte il 19 dicembre 2010 e Aleksandr Lukashenko è stato proclamato vincitore con il 75,65% dei voti popolari. A Sannikov il 2,43% del totale, a Yaroslav Romanchuk, un altro concorrente, l'1,98%.

Proteste soppresse e pestaggi
Dopo l'annuncio dei risultati elettorali, i leader dell'opposizione hanno organizzato una manifestazione la sera stessa del 19 dicembre nel centro di Minsk. Tuttavia, la manifestazione è stata soppressa dalla polizia. Sannikov e sua moglie Iryna Khalip sono stati, insieme ad altri, attaccati dalla polizia durante la manifestazione e, secondo le dichiarazioni dei testimoni oculari raccolte dalla Carta 97, Sannikov è stato scelto tra la la folla per un pestaggio. "Andrei è stato picchiato dai manganelli mentre giaceva a terra. È stato picchiato sulla testa e su tutto il corpo. Andrei cercava di proteggersi con le braccia. A nessuno è stato permesso di avvicinarsi a lui in modo da difenderlo".Più tardi, sulla strada per l'ospedale dove curare le gambe rotte di Sannikov, la loro auto è stata intercettata mentre Khalip stava concedendo un'intervista telefonica alla stazione radio di Mosca Ekho Moskvy (Eco di Mosca). Khalip ha urlato in diretta che stavano per essere portati via con la forza dalla loro auto, arrestati e ulteriormente picchiati.Sia Khalip che Sannikov sono stati reclusi in una struttura del KGB a Minsk. Secondo un testimone oculare, Sannikov è stato costretto a stare in piedi per un'ora nonostante le ferite alle gambe. Sannikov fu successivamente accusato di aver innescato disordini di massa che avrebbero comportato da 8 a 15 anni di carcere.
L'amministrazione Obama sostenne che gli Stati Uniti non consideravano legittime le elezioni e chiedevano il rilascio dei prigionieri; al contrario, il presidente russo Dmitry Medvedev descrisse la situazione in Bielorussia come un "affare interno". Il 24 dicembre, il KGB ha fatto irruzione e perquisito l'appartamento di Sannikov, dove si trovava la famiglia.
Il 25 dicembre, il Centro per i diritti umani Viasna di Minsk ha rivelato che le autorità bielorusse avevano tentato di sequestrare il figlio di tre anni di Sannikov. Il ragazzo era accudito dai nonni, ma quando hanno cercato di portare cibo e coperte a Sannikov nel centro di detenzione, i servizi sociali sono arrivati all'asilo del ragazzo. Un avvocato di famiglia è stato allertato da amici ed è intervenuto nella difesa del ragazzo.

Note

Altri progetti

Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Andrei Sannikov

film andrei sannikov

schede ultimi film andrei sannikov


notizie cinema

Schede film

Cinema trailer

Film in sala

Cinema novità

Trova cinema roma

Trova cinema milano

Trova cinema napoli

Musica news

Musica top songs



INSERISCI LA TUA PUBBLICITA' SU


scopri come promuovere la tua attività



#notiziecinema film anteprime novità
notiziecinema.it
novità, film anteprime, cinema trailer, programmazione cinema, coming soon facebook notizie cinema twitter notizie cinema youtube notizie cinema rss notizie cinema

trova cinema genova trova cinema imperia trova cinema latina trova cinema lecce trova cinema lecco

cinema Cinema Circuito City cinema Cinema Circuito Sivori cinema Cinema Circuito City cinema Cinema Circuito Ariston
(c) media promotion srl - web agency